Scouting tour StartCup Emilia Romagna 2014: diari di viaggio

4-5-6 giugno – Bologna 

Le prime tre tappe di Bologna ci hanno regalato molte soddisfazioni, sia in termini di risposta (37 incontri su 42 totali disponibili) che di qualità delle proposte. Quando siamo partiti, avevamo un po’ di perplessità in merito all’adesione, anche perchè abbiamo realizzato la prima tappa in coincidenza con il lancio ufficiale dell’iniziativa e aperto il booking solo due giorni prima. Abbiamo riempito quasi tutti gli slot disponibili, complice la presenza in R2B che rappresenta uno straordinario punto di snodo tra domanda e offerta di innovazione. Anche la tappa “outdoor” realizzata presso la facoltà di Economia in centro a Bologna ha registrato il “tutto esaurito”. Questo è un segnale forte e chiaro del fatto che l’Emilia Romagna è un territorio dove la voglia di fare impresa è tanta e i giovani sanno riconoscere le “buone occasioni”. Anche il lavoro fatto in questi anni dai programmi Spinner ha dato i suoi frutti: il livello delle proposte è decisamente alto.

9 giugno – Ferrara
Il caldo torrido di Ferrara non ha scoraggiato i giovani talenti del territorio. Sarà stato per per il lavoro di promozione di Sipro e dell’Università degli Studi di Ferrara e per la splendida cornice (eravamo parcheggiati proprio di fianco al Castello), ma anche qui abbiamo messo a segno un “tutto esaurito”. Anche a Ferrara registriamo un livello delle proposte e delle presentazioni alto. La presenza dell’Università lascia il segno. Abbiamo fatto una improvvisata anche agli amici di Spazio Grisù, un esempio virtuoso di come possono collaborare in maniera sinergica il pubblico e il privato. Il viaggio continua. Appuntamento a Cesena!

 

10 giugno – Cesena

Fully booked anche per la tappa di Cesena, grazie all’intenso ed efficace lavoro dei ragazzi di Cesena Lab che stanno affermando velocemente la loro presenza in un territorio ricco di potenzialità. Abbiamo fatto due conti, siamo a 98 prenotazioni in poco più di una settimana dal lancio dell’iniziativa: Barcamper chiama, Emilia Romagna risponde!

 

11 giugno – Faenza (mattino), Ravenna (pomeriggio)

Ragazzi che giornata! A tratti infernale… già guardando il tg del mattino mi arriva come uno schiaffo questa notizia: ‘caldo record, allerta meteo in Emilia Romagna’. Bene.
Invece, contrariamente ai timori (anzi ai terrori), la tappa a Faenza si è svolta in una fresca e deliziosa mattinata, ospitati dentro sede dei Salesiani 2.0 (geniale il nome!) all’ombra degli alberi secolari, e proprio di fianco al baretto interno. Piatto ricco anche per quanto riguarda gli incontri. Grazie alla grande attività di comunicazione del Comune di Faenza, di Centuria, e di ISIA, c’è stato un flusso continuo di ragazzi che volevano a tutti i costi partecipare alla tappa, e alla fine siamo riusciti a incontrarli tutti, nonostante l’overbooking, e per di più al fresco. Che vuoi di più?
Purtroppo non avevamo la più pallida idea di quello che ci avrebbe riservato il pomeriggio.
Smontiamo in tempo record (tra un pitch e l’altro si erano fatte ormai le 13), un panino veloce in camper e via di corsa verso Ravenna.
Ore 14, arriviamo in pieno centro, piazza Andrea Costa in area pedonale. Ci accoglie un referente del Comune, gentilissimo, con tutti i permessi di accesso e sosta, e ci indica il luogo del parcheggio: un angolo della piazza, dalla parte in cui batte il sole, quello cattivissimo del pomeriggio. 36 gradi all’ombra che con l’afa sembravano 46! Il tendalino esterno del tutto inutile, e in quella implacabile canicola il Barcamper, che purtroppo non ha l’aria condizionata, si è presto trasformato in uno strano ibrido tra una sauna finlandese e un forno a microonde con stampante e router wi-fi. Condizioni al limite della sopravvivenza umana! Ma nonostante ciò, abbiamo avuto una soddisfazione incredibile, una di quelle che pareggiano e azzerano tutti i disagi possibili. Rispetto agli 8 slot disponibili (già tutti prenotati da oltre due giorni), si sono presentati in 16. E poichè la metà di questi non aveva la prenotazione, hanno tutti atteso, pazienti, al sole, che arrivasse il loro turno. Dovrebbero essere premiati anche solo per questo, per la tenacia che hanno dimostrato, e che tra l’altro è uno dei principali aspetti che valutiamo durante i colloqui. Potrebbe sembrare strano, ma noi che abbiamo un sistema di prenotazioni online, non siamo abituati a questo. Per noi non è normale che arrivi il doppio della gente regolarmente prenotata. Forse questo ha creato qualche disservizio (spero nessun colpo di calore…) ma noi ce l’abbiamo messa tutta per vederli tutti, e così il team di scouting si è diviso in due e siamo riusciti a parlare con tutti loro (ovviamente ci alternavamo perchè nessuno di noi voleva rimanere sul camper e ogni scusa era buona per accaparrarsi la postazione esterna). La Camera di Commercio, il Comune e gli altri partner locali hanno fatto un grande lavoro di diffusione e l’opportunità è stata colta in pieno dal territorio. Grazie a tutti, ottimo lavoro! P.S. E’ ufficiale, abbiamo sfondato (e anche di un bel po’) la soglia dei 100 appuntamenti.

 

12 giugno – Piacenza

A Piacenza si replica, sia per il caldo che per l’overbooking: 14 slot disponibili, 17 incontri effettuati. Ci sarà una correlazione? Una strana legge meteo-economica che suona come qualcosa del tipo: ‘quando in Emilia Romagna fa un caldo boia, gli startupper cercano riparo sul Barcamper’.  Eppure, come ho già detto, non abbiamo nemmeno l’aria condizionata. Però forse abbiamo qualcosa in più. Siamo un veicolo che porta opportunità di territorio in territorio. E il messaggio arriva così forte che nessun caldo record pare possa frapporsi tra uno che vuole fare impresa e la sua occasione. Sembra un po’ retorico? Forse, però ormai mi sono convinto che questa formula ha funzionato. Domani è l’ultima tappa, siamo a Modena, e anche lì, neanche a dirlo, abbiamo il tutto esaurito. Chissà che non ci voglia un’ultima tappa, una tappa di saluto visto che la prossima settimana è prevista pioggia”

 

13 giugno – Modena

Anche su Modena abbiamo messo a segno un tutto esaurito (e oltre: 15 colloqui su 14 slot disponibili). Ormai, e lo dico con non poca soddisfazione, ci siamo abitutati a questa risposta dei territori. E’ arrivata anche la notizia che attendevamo: si fa un’ultima tappa a Bologna! L’appello è stato accolto, del resto lo scouting tour non poteva finire così, era come invitare un ospite a cena e non servire il dolce.

 

19 giugno – Bologna, ultima tappa

Con la tappa aggiuntiva di  Bologna si è concluso il Barcamper Scouting Tour. Il bottino raccolto è interessante, sia sotto il profilo dei numeri che della qualità. Puntavamo a vedere 80 proponenti e invece ne abbiamo incontrati 130, quasi il 60% in più del previsto. La risposta del territorio è stata davvero inaspettatamente rapida e massiva.

Dei 130 visti, hanno applicato in 120. E’ stata appena pubblicata la graduatoria che identifica i 40 che parteciperanno ai due techmeeting di Modena e Cesena.

Ora abbiamo molta materia prima su cui lavorare e siamo convinti che dal nostro “macinino” uscirà qualcosa di interessante.

 

 

Leave a Reply